A Diogneto.

Con un gruppo di bravissimi ragazzi stiamo rieditando alcun classici della letteratura cristiana antica, "sforzo" patrocinato dall'Associazione Asina di Balaam e pubblicato dalla Cittadella Editrice. Il nostro primo tentativo di rendere appetibile, con una "nuova" traduzione, un tesoro della Tradizione si è concentrato sulla Lettera a Diogneto, di cui cito un bellissimo e noto passo: "I cristiani abitano nella propria patria ma come forestieri; partecipano a tutto come cittadini e sopportano ogni cosa come stranieri; ogni terra straniera è loro patria e ogni patria è per loro terra straniera. Prendono moglie come tutti e generano figli, ma non rifiutano i neonati. Condividono la tavola, ma non il letto. Sono nella carne ma non vivono secondo la carne. Trascorrono la vita sulla terra, ma hanno la loro cittadinanza in cielo".

Post popolari in questo blog

"Professione" monaco?

Per una nuova intelligenza cristiana dell'eros.

I paradossi del cattolicesimo borghese (6). Aspettando qualcosa... non Qualcuno.